sabato 25 febbraio 2012

A.A.A. DISOCCUPATA NON CERCA LAVORO

Ok, questa e' l'ultima cosa che mai avrei  pensato di dire nella mia vita: disoccupata e' bello!

Calmi non fraintendetemi , lo so che ci sono frotte di persone che mi giudicheranno se non pazza almeno sciroccata e che hanno tanti simpatici epiteti volgari da rivolgermi con gesti di dita non proprio signorili, ma fatemi spiegare...

Sono sempre stata una fanatica del lavoro perche' nobilita davvero l'uomo e non parliamo poi di quanto nobilita la donna nella nostra societa' ancora maschilista di sottofondo.
Restare senza lavoro per me e' sempre stata una delle cose che mi creano angoscia e non solo per il lato economico,ma per il semplice fatto di non riuscire a concepire una giornata senza interagire nella comunita' lavorativa e di sentirsi parte attiva della societa' o senza alzarsi per "andare a lavorare".
Insomma una tragedia che visti i tempi che corrono e' molto frequente ahime'.

Stavolta pero' e' diverso.

Per la prima volta scopro cosa vuol dire rallentare e avere il tempo di guardare le persone o guardarsi intorno cogliendo tutte quelle cose che prima per "frettansiangoscia" (termine appena coniato da me) nemmeno si vedevano.E allora diventa bello trovare il tempo di scegliere una marmellata invece di arraffare al supermercato la prima cosa che ti capita o di preparare una colazione ai tuoi cari invece di farti l'endovena di caffe' mattutino mentre ti vesti,di uscire per comprare il pane fresco e avere il lusso di poter fare la fila, di poter comprare  dei cuscini su Ebay, di poter leggere un articolo in rete, di avere tempo per giocare con tua figlia e di fare una chiacchierata con una tua amica, di cucinare un pranzo vero (i 4 salti in padella non rientrano in questo) e addirittura di poter tenere un blog!

E' ovvio che se manca il lavoro a molti mancano anche i soldi per comprarselo il pane e l'unica fila che fanno e' quella all'agenzia di collocamento;la mia vuole solo essere una riflessione su come viviamo e su come sia sbagliato il sistema in generale , soprattutto per quelle donne mamme che lavorano e che fanno i salti mortali ogni giorno.

E mentre leggo l'ultima Ansa che parla di presunte clausole per licenziamento di donne incinte alla Rai penso che al momento non ci resta che pendere dalle labbra del Ministro Elsa Fornero e sperare che per una volta noi donne si possa dire per davvero: donna e' bello!

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...